READING

La Merditude des Choses

La Merditude des Choses

Dalla merda nascono i fiori diceva il poeta. E nella merda più totale nasce il piccolo Gunther Straube, figlio di una prostituta e cresciuto dal padre alcolista nello squallore della provincia belga. La famiglia Straube è così composta: la nonna buonacciona, 4 fratelli devastati dalla birra che vivono di assegni statali ed espedienti, il povero Gunther. Insomma, come diceva Montanelli con disinvolto classismo, “la schiuma della società”. Tra sbronze colossali, centinaia di sigarette, risse e gare in bicicletta senza vestiti, il piccolo protagonista proverà a costruirsi una vita diversa da quella del padre.

large_397327

Se chiedete al primo cinefilo che vi capita a tiro di consigliarvi un film belga, nel 100% dei casi vi rifilerà qualcosa dei fratelli Dardenne. Brrr. Tragedie su tragedie, proletari spappolati dalla vita, figli degeneri del welfare state, sfratti da case popolari, tossicodipendenze varie, etc. Il tutto illuminato da uno sguardo, asciutto, umano e morale. Cinema “giusto” e bello ma anche da pistola alla tempia.

La_Merditude_des_choses

Molto meglio allora guardarsi La merditude des choses, sorta di parodia in salsa Trainspotting del cinema dei Dardenne. Il regista è Felix Van Groeningen, di recente molto applaudito per The Broken Circle Breadown e Belgica.  Guardare i film del giovane autore belga è come fare una serata chiusi dentro un pub e poi sboccare. L’odore di sigaretta, di birra rovesciata, il pavimento appiccicoso, le urla, le risse e il sesso marcio, La merditude des choses ti restituisce queste sensazioni con la forza di un pugno nei denti, per poi riportarti sulla Terra tra hangover e servizi sociali. Perché alla fine lo sballo non paga.  A differenza dei depressi Dardenne, però, Groeningen sa che la vita è un mix di commedia e tragedia e non si sente in colpa a raccontarla. Nella centrifuga trash della famiglia Straube cresce il piccolo diamante Gunther, ragazzino con la passione per la scrittura che troverà la forza di scappare dal disagio senza rinnegare del tutto i genitori. Perché i servizi sociali alla fine non possono non intervenire, ma l’amore (seppur ubriaco) della famiglia è sincero. Un bel giro di giostra.

Per i francofoni, alleghiamo link integrale al film su youtube. Per gli anglofoni, invece, è possibile recuperarlo con il (brutto) titolo internazionale The misfortunes.

La merditude des choses, 2009, Felix Van Groeningen


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.