Belly

Il primo e unico film di Hype Williams. Pistole, droga, money, guerre tra bande e tanto hip hop in una New York City illuminata dai neon. Nas e DMX protagonisti. This is Belly, dawg.

tumblr_mm1854nGdq1qzpdnho1_1280

Hype Williams è il king indiscusso dei video musicali black. Non ci sono cazzi. Basta scorrere la sua videografia per farsi un’idea. Non tutti sanno però che nel 1998 Hype provò il grande salto e realizzò Belly, destinato a restare l’unico film girato dal regista del Queens. Il film è una bomba.

In un periodo come quello attuale nel quale si prova a trasportare sullo schermo in tutti i modi possibili e immaginabili storie incentrate sulla vita dei niggaz americani tra bande armate, cash, hip hop e droga, la visione di un film come quello di Hype Williams è rivelatrice. Belly non è un film perfetto, anzi, ha tantissime pecche e imprecisioni (tra cui un finale un po’ meh) ma dal punto di vista visivo è al limite del clamoroso. Hype fa valere al massimo il suo occhio da videomaker, regalandoci sequenze di una potenza unica (guardate qui sotto la scena d’apertura, oppure date un occhio a tutta la parte ambientata in Jamaica…roba che i Major Lazer pagherebbero fior fior di dollaroni per averla nei loro video) e cercando di bilanciare al meglio una storia piuttosto classica di guerra tra bande con la sua particolare estetica. Bilanciamento che fallisce, facendo prevalere in maniera netta l’estetismo da videoclip di Hype, tra gli stranianti interni (spesso illuminati da neon colorati) e le streets di New York e Atlanta, musica hip hop e dancehall a palla e le onnipresenti e abbaglianti luci. E alla fine dei negri che si sparano who cares?

Il cast pesca a piene mani nel mondo della musica: NAS e DMX sono i due protagonisti, con T-Boz delle TLC e Taral Hicks come presenze (e che presenze…) femminili. C’è Method Man che fa la parte dell’infame, c’è Power Grant, c’è Ghostface Killah, c’è un pauroso Louie Rankin con la sua parlata giamaicana e fa capolino per qualche istante addirittura Sean Paul. Immagine, musica e robe cazzute. Non è azzardato dire che Belly possa esser stata una delle fonti di ispirazione di Harmony Korine per Spring Breakers. E a questo proposito è molto curioso che all’inizio del film i protagonisti si guardino Gummo. Un caso? Non lo sappiamo, però sappiamo che dovete guardare Belly. E guardatelo su uno schermo gigante e a volume altissimo.

Belly, 1998, Hype Williams


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.