READING

Concorto Film Festival 2015: i nostri premi. ̶...

Concorto Film Festival 2015: i nostri premi. “Ramona” conquista lo “Sbandato d’oro”

Siamo giunti al momento della verità. Questa sera nel cortile interno di Palazzo Farnese a Piacenza si scopriranno i vincitori dei vari premi di Concorto Film Festival 2015 ma prima è il momento di rivelarvi ciò che stavate aspettando in maniera impaziente: lo Sbandato d’oro 2015 va a Ramona di Andrei Cretulescu.

Pochi dubbi sulla scelta del vincitore, mai veramente in discussione.

pagina-festival-immagine-1

Durante la riunione fiume tenutasi ieri sera a Parco Raggio tra gli Sbandati, il nome del film rumeno l’ha spuntata su altri due titoli che si posizionano rispettivamente al secondo e terzo posto del podio della nostra personale classifica: Alles Wird Gud di Patrick Vollrath vince lo Sbandato d’argento, mentre l’animazione russa di Mi ne mozhem zhit bez kosmosa (We Can’t Live Without Cosmos) di Konstantin Bronzit si porta a casa il terzo premio, lo Sbandatino di cobalto.

pagina-festival-immagine-2

Vogliamo però lasciarvi con due menzioni speciali.

GPL: La mia menzione speciale va a Pineapple Calamari di Kasia Nalewajka. Per il suo stravagante approccio al tema del lutto e per l’umanità che sprigiona in ogni fotogramma. Ma soprattutto perchè mi ha fatto sbellicare dalle risate come nessun altro cortometraggio in programma quest’anno, con un’ironia sottile e poetica. Aver passato nove minuti con questi personaggi mi ha fatto stare bene e penso che, più di altri, Pineapple Calamari mi rimarrà impresso nella memoria.

STEINER: Il mio “bravo” va a Nicolas Boone e al suo Le rêve de Bailu (Bailu Dream). Lo stile con il quale l’autore ha deciso di mostrarci il surreale paesino cinese è qualcosa di unico. Il piano sequenza che ci accompagna fino al grottesco finale è una delle cose cinematograficamente più belle del Festival.

Questo è quanto. Vi aspettiamo stasera a Palazzo Farnese per la serata conclusiva di Concorto Film Festival e per scoprire insieme chi vincerà l’Asino d’Oro 2015.

Ah, e poi tutti a spaccarci con Myss Keta al party di fine Festival.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.