READING

Spring

Spring

Una love story dalle tinte horror ambientata in Italia. Spring è uno dei film più inclassificabili degli ultimi anni. E per questo ci piace…
pagina-recensione-immagine-1

Avete presente Prima dell’alba? Il bellissimo e dolcissimo film di Linklater in cui un piacente Ethan Hawke conosce in treno Julie Delpy e passa con lei un’indimenticabile notte romantica? Immaginatevi a casa di amici, sul divano a guardare questo film con accanto la/il ragazza/o che vi piace tanto…i vostri cuori che battono forte per la storia d’amore che nasce sullo schermo…le vostre mani che si sfiorano senza che nemmeno ve ne accorgiate…un brivido…e poi arriva l’amico scemo con una birra in mano e dice “PENSATE UN PO’ SE ORA LEI SI TRASFORMA IN UN MOSTRO COI TENTACOLI AHAHAHAHAH”. E rutta.

Ecco, l’idea dell’amico scemo l’hanno avuta Justin Benson e Aaron Moorhead e l’hanno trasformata in uno dei film più belli, interessanti ed inclassificabili degli ultimi mesi. Spring è infatti un horror, una commedia, un road movie ma soprattutto una splendida storia d’amore.

Evan (Lou Taylor Pucci) è un ragazzo californiano che lavora in un bar e bada alla madre malata di cancro. Il destino vuole che nel solito giorno la madre del ragazzo muoia e che lui venga licenziato dopo una rissa nel bar in cui lavora. Decide così di mollare tutto e di partire per l’ITALIA. Ebbene sì, il ragazzotto arriva a Roma e trascinato da due coglionazzi inglesi finisce in un paesino in Puglia a picco sul mare nel quale conosce Louise. Sarà colpo di fulmine. Cene a lume di candela, una bottiglia di vino rosso guardando il mare, baci, parole dolci. Louise però ha un piccolissimo problema: è un mostro. Non un mostro nel senso che è una brutta ragazza (Nadia Hilker, l’attrice, è un mix tra la Ratajkovski e la Exarchopoulos, fate voi…) ma boh cioè è proprio un mostro!  Insomma, come potete capire sarà un rapporto turbolento quello tra i due ragazzi, che si troveranno ad affrontare tutti i quesiti e le scelte difficili che un amore, l’amore della vita, mette loro davanti.

Un film davvero bello che ha anche il merito di mettere in mostra le bellezze dei paesaggi italiani. Per tutti gli innamorati, umani e non.

Spring, 2014, Justin Benson e Aaron Moorhead


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.