READING

Cold In July

Cold In July

Un piccolo gioiello passato dal Sundance e poi dal Torino film Festival, che fonde pulp, smargiassate, violenza, musica anni ’80 very cool e tre attori uno più cult dell’altro…
headhunters_2
Nel cinema di genere americano è in corso una croccantissima rivisitazione degli anni ’80. Dopo Drive, dopo il recente The Guest, prima dell’arrivo dell’attesissimo horror It Follows, ecco Cold in July, filmetto che emana odore di cult a chilometri di distanza e che noi abbiamo avuto la fortuna di vedere al Festival di Torino.
La storia. Siamo nel Texas degli anni ’80, il protagonista del film è un tale (Hall) che trova un ladro in casa sua e lo fredda con un colpo di pistola. Sarebbe tutto normale, visto che siamo in America, anzi in Texas, in mezzo ai più reazionari bifolchi vaccari del mondo; tuttavia ecco che la situazione si complica: il padre (Shepard) del ladro assassinato comincia a tormentare il protagonista e la sua famiglia, la polizia ciurla nel manico e….e succederanno tantissime altre cose, perché Cold in July è innanzitutto un film di puro storytelling, dove i colpi di scena si susseguono senza soluzione di continuità e dove i personaggi prendono direzioni inaspettate, con il film che viene continuamente rivoltato come un calzino.
Detto ciò, torniamo all’argomento cult/anni’80: Cold in July, tratto da un libro di Lansdale, re (cult) del romanzo noir, è un concentrato di cool e smargiassate da far digrignare i denti a Tarantino e Rodriguez , con tre protagonisti uno più cult dell’altro (Hall che viene dalla serie tv Dexter; Sam Shepard, drammaturgo con il vizio di recitare nei pulp noir; Don Johnson, leggenda del Miami Vice di Michael Mann e vero uomo cazzuto) ; e con una colonna sonora tutta synth e tastieroni anni ’80 che è…..CULT, potevate immaginarlo. Ah, il regista è Jim Mickle, indipendente americano che due anni fa è passato al Sundance con l’horror cannibalesco We Are What We Are. Insomma, enjoy. Ah, non so se avete capito che è un film potenzialmente CULT.


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.